EVEREST BASE CAMP TREKKING

EVEREST BASE CAMP TREKKING

April 25th, a holiday, a rainy day, but above all the day of departure. Arri, Cipi, and I arrive in the afternoon at Malpensa, excited for the adventure we are about to embark on, with our luggage loaded with everything necessary to face the Himalayan cold. At the airport, we meet our travel companions, Lorenza, a youthful fifty-year-old, and Federico, a biologist on a graduation trip.

After a long flight, including a lightning stop in Istanbul, we arrive in Kathmandu in the late morning. The visa process immediately plunges us into Eastern reality, with namastes and rather slow rhythms.

Once we obtain the visa, we exit what seems anything but an international airport in a capital city, albeit a small one.

An abundance of individuals take charge of us and load us onto a minibus, headed to the agency where we will complete the final formalities, not without first asking for a considerable tip, taking advantage of our initial slight disorientation.

The room acting as the agency has a faint lemon scent and is adorned with posters of high mountains, with a few CAI pennants symbolizing the longstanding relationship with Italy.

After paying the remaining fee for the trip and exchanging money into rupees (a few 50 euro bills become several tens of 1000 rupee bills each, with the signs of time decidedly evident), we set off towards Khurkhot, where we will spend the night before the flight to Lukla.

We immediately discover how uncomfortable Nepalese roads are, full of potholes and dirt stretches, traversed at full speed by minibusses, loaded with tourists, and vintage trucks, decorated in a colorful and folkloric manner, brushing against each other at the brink of contact.

After about an hour and a half, we stop at what in Italy would be called a rest area: we drink a Coca-Cola, never so good and always a certainty abroad, useful to cope with the already noticeable heat.

We set off again, following the path of a river that is the center of the little life we encounter along the way. Indeed, we see Nepalese people gathering on the riverbanks, on the bridges that cross it, and in the cornfields that line its sides.

When it is already dark, we reach our destination, somewhat exhausted: a small hotel that seems like salvation after the long journey.

We take a shower and for dinner, we try dal bhat, a typical Nepalese dish made of rice and vegetables, before collapsing into bed.

The next morning, we leave at 4:30 to reach the small Ramechap airport from where we will take the flight to Lukla. The journey is even more rugged than the previous day.

The airport is ridiculously small but pretends to be a serious airport with "checks" both on luggage and us.

The maximum weight for luggage is 15kg each, which of course we all exceed, but a small fee is enough to make everything forgotten.

When we approach the runway, the reaction is a mix of amazement and fear: there are indeed 6 small planes ready to take off, and one of these is ours.

We barely have time to wait, and we immediately board: it's a 20-seat propeller plane that fills our lungs with exhaust fumes when it starts.

The cockpit is separated from us, in the front row, only by two curtains, but there is a very kind hostess who reminds us of the safety procedures to follow on a flight.

The takeoff is quick, and we fly almost by sight, although the clouds all around prevent us from having an optimal view of our surroundings. After 20 minutes, a sudden drop in altitude warns us that the journey is coming to an end, with the landing on the famous Lukla airstrip: a short strip of asphalt, uphill, with a wall marking its end.

Despite these premises, the landing is much less traumatic than expected: we are finally in Lukla, where our trekking will begin.

We look around a bit bewildered but also aware that this is now the gateway to Everest for all mountaineers, past and future. We retrieve our luggage and head towards the lodge where we will have breakfast.

It's only a few meters but seemingly endless, because we also have to carry our checked baggage with us: we immediately understand that we will never thank the yaks enough for shouldering this load.

We discover at that moment that it will not be porters carrying our luggage, which makes us feel more serene about the weight of the additional things we have brought with us as a precaution.

We admire the peaks around us while waiting for breakfast (we will later discover that Nepalese preparation times are quite prolonged), noticing immediately how vegetation grows at much higher altitudes than in our areas: we are at 2860 meters, and we still see at least a thousand meters of plants going upwards.

At the same time, we notice how the snow line is much higher than we expected.

The latitude we are at, combined with the Himalayas' screening effect on the cold currents coming from the North, makes all this possible.

Meanwhile, our breakfasts are ready: we begin to get used to some local dishes like chapatis, some kind of warm flatbreads served with honey and jam... not bad at all!

Meanwhile, our porter is loading our luggage onto the backs of the yaks that will accompany us on our journey. Once everything is done, we can finally set off.

From above, we see the runway where we landed, and after taking the customary photos, we head towards the beginning of the trekking route. We are already amazed by the number of shops that populate it, where you can find everything you need for the journey, from hygiene products to technical clothing, the originality of which we doubt quite a bit.

Lama, our Sherpa guide, retrieves the trek permits necessary for walking in the Sagarmatha National Park for us: we are officially on our way.

The trail is wide and well-maintained, and is traversed by many trekkers, in both directions, of all kinds and ages, whose variety we will soon get used to.

It winds along the valley slope, slightly downhill towards our destination for the day, Phakding. This is of great help for my physical condition, which, although improving significantly, still remains precarious: the start of the journey gave me a bad sore throat, which I am fighting with anti-inflammatories and antibiotics.

We soon notice that, despite being at high altitude for us, there is bustling life here. Alongside the trail are dwellings, shops, and lodges: it is the Sherpa people, who settled in these areas directly from Tibet, and soon became a wealthy people, thanks to their peculiarities: in addition to livestock, mainly yaks, and agriculture, based on potatoes and vegetables resistant to the climate, the great fortune of the Sherpas was their skill in trade, especially between India, Nepal, and Tibet, along roads that only they were able to traverse with heavy loads on their backs.

Their trading skills have found fertile ground to grow in Himalayan tourism, trying, however, to maintain the peculiarities that characterize them.

Indeed, it is precisely in one of the lodges (literally we could call them inns, which offer accommodation and food) that we stop for the first time in Ghat, after about 1.15 hours, for what will soon become a tradition: mid-morning tea.

There is something for every taste, and we will gradually get to know them: mint tea, with fresh mint leaves to flavor it (until the climate allows them to be grown), ginger tea, with chopped or thinly sliced ​​ginger immersed (it takes courage to eat it at the end of the drink), up to classic black tea or lemon tea.

We also encounter the first sacred monuments, such as stupas, white constructions with a square base, on which circular structures rise towards the sky, to support a golden pinnacle, decorated with the eyes of Buddha, or numerous rocks, on which strange inscriptions or paintings are carved, colored in black and white, or cylindrical structures, also abundantly decorated, to be rotated to bring good luck, attested by the sound of a bell inside the larger ones.

All these sacred symbols must be strictly passed on the left, Lama tells us, in order to hope for a bright future. At the end of the trekking, we will have abundantly earned it, we believe.

After this initial immersion in Nepalese religious beliefs, we reach Phakding, not before encountering numerous processions of donkeys and yaks, here used as a means of transport: 15-20 beasts, with water tanks and gas cylinders on their backs. We quickly get used to it.

The village is on the other side of the river that we cross on one of those bridges that are often seen in photographs, supported by metal ropes, shaky and adorned with colorful Nepalese prayer flags, which will accompany us continuously from now on.

Overcoming the hints of vertigo that come from looking too much into the void below the bridge, we reach the lodge, located at the highest point of the village. It is built of granite stone, extracted from the valley's rocks, like almost all the surrounding structures, with a tin roof and green-colored fixtures, which along with blue are the most popular colors for this type of detail.

Inside, there is a common room, with tables and benches for eating, and upstairs there are the rooms, all double, and it is entirely built of wood.

We take a seat outside, to enjoy a view that already seems wonderful to us, and we haven't seen anything yet, ready to enjoy the first, well-deserved, lunch: the menu is varied and we decide to try the chicken momos, but the choice turns out to be too spicy. Fortunately, a beer helps us soothe the burning throat.

After resisting the temptation of a post-lunch nap in the warm midday sun, we set off for a short walk to the temple overlooking the village. By now, it has clouded over, and when we reach the top, the valley is barely visible: we will discover, in fact, that almost all the flights to Lukla, after ours, have been canceled. We were very lucky!

The temple is very colorful, both on the outside, with red as the dominant color, and on the inside, where some monks dedicate themselves with extreme care to painting the walls with varied scenes, halfway between reality and fantasy, and meticulously detailed.

At the end of the visit, a young monk offers us milk tea, with a questionable taste, but which we cannot refuse and therefore drink, albeit reluctantly, to thank for the hospitality that took us by surprise.

We then return to the lodge, where, between a card game and a delightful hot shower, we wait for dinner. It gets dark quite early, and considering the early wake-up call the next morning, we decide to go to bed relatively early, just as it starts to rain heavily.

So, we ask Lama, already intimidated by the idea of having to march the next day in the rain, if he knows what the weather forecast is. Lama remains unfazed and responds with a laconic "sometimes it’s rainy, sometimes it’s sunny," which goes without saying, and will become the quote of the vacation.

The next morning, however, we are awakened by a blue sky, and we set off for Namche Bazaar. A long stage with a lot of elevation gain awaits us, and we are accompanied by a sun that soon forces us to undress and apply sunscreen. We follow the beautiful river along the valley slope and continue to cross small villages where we see scenes of daily life: porters with planks and wooden boards on their backs, girls in uniform, holding hands, going to school along the same path we are taking, men and women at work to transform rock into stones useful for building the increasingly widespread new lodges.

The clear sky allows us to see the first peaks in the distance: peaks of over 6000 meters begin to stand out on the horizon, well beyond the point that is our destination for the day, and which we can already imagine beyond the hill we see, 800 meters higher than us.

After about an hour's walk, we reach Monjo, home to the school where the girls we met were heading, and then Dhorsali, where we officially get the permits for trekking in the Everest park.

During these hours, we meet almost all the Italians we will meet along the way: first, three gentlemen, one of whom is from Lovere, who warn us about the crowds we will find along the way, but which we will only notice in the sections closest to the base camp.

Then a group of adventurers, who had the brilliant idea of reaching the base camp by bike, and who tell us how, for most of the time, they had to push them rather than ride them: necessary efforts to allow the comedian of the group to perform the highest-altitude comedy show and for the expedition's cook to cook a carbonara at the base camp. A tiring joke, I would say. We also meet another group of adventurersintheworld, returning from a shorter trek, just before our usual tea break.

After this break, we cross yet another bridge that takes us to the other side, where a continuous up and down and maneuvering between mules and yaks leads us to a much more scenic bridge: it is in fact located at the confluence of two rivers and is much higher than those we have crossed so far. For this reason, it has indeed deserved to appear in the Everest movie.

We then leave the valley and begin the much-feared and anticipated ascent: it is as tough as we expected, so we face it with numerous breaks, also necessary because the heat and thirst are felt very soon.

Along the climb, some begin to show the first signs of hunger, while we come across young porters, who climb at our same pace, despite carrying much heavier loads on their backs than ours. Perhaps for this reason, their looks, when they cross ours, discreetly tired, are slightly mocking. We are amazed by their clothing: they often wear normal shoes or even slippers, have Western-style hair, often colored, and are accompanied by high-volume music from smartphones or portable speakers.

Finally, the trail flattens out, and after the last efforts, we arrive in Namche Bazaar, which welcomes us with shops of all kinds, including those of technical equipment with the most famous brands for high-altitude mountaineering.

The main street makes us realize that we are in the tourism capital of the region: we find bars, restaurants, pubs, pharmacies, exchange offices, banks, even a hairdresser, in addition to numerous accommodations. In one of these, we find accommodation just in time for lunch.

In the afternoon, we take a stroll around the village, which is bustling with people: trekkers of all kinds, local inhabitants, and strange characters whose precise purpose for being there is not entirely clear. We arrive at the main entrance to the village, currently undergoing extensive renovation, from where we can see how all the houses have a decidedly rustic appearance. We soon understand why: we see workers busy making bricks by hand, scenes reminiscent of Italy in the 1960s.

For dinner, we enjoy a delicious yak steak, marveling at how the cuisine has adapted to the booming tourism, offering menus much broader and more Westernized than we expected, while we observe numerous photographs of the mountains on the walls of the lodge, mountains that we will soon see with our own eyes.

In the evening, we go for a beer at the pub: its walls are adorned with souvenir t-shirts of trekkers and mountaineers, a big screen broadcasting sports from around the world, and a small television showing mountaineering programs. It's frequented by people of all ages and types, united by a beer and a down jacket. There's even a pool table, and for a moment, it doesn't even feel like we're at 3440 meters. Suddenly, when the pub has already emptied out, at the time we usually arrive, the movie Everest starts playing on the small screen, and in the first 15 minutes of the screening, we see the places we've just passed: the airports of Kathmandu and Lukla, the suspension bridge, the arrival in Namche. We leave before seeing the places we still have to reach, as if we didn't want any spoilers.

The night, aided by the sleeping bags, the cold, the altitude, and the beer, is not the best, but in the morning, we wake up reasonably rested, invigorated by a clear sky. I have a slight headache, but in the meantime, my throat is getting better: the antibiotic is taking effect.

A chocolate pudding for breakfast and the departure uphill on steps are not the best combination to face the day head-on, but fortunately, the Sherpa cultural museum comes to the rescue of my digestion, where we learn some interesting facts about the place and the people who inhabit it.

Upon exiting, we see for the first time, in all its grandeur, the summit of Everest, looming at the end of the valley. There are no clouds obstructing our view, which extends over Nuptse, Lhotse, and Ama Dablam (a constant presence that will accompany us for many days). The view is truly splendid, and within us arises a small but great emotion.

We then leave the museum to head towards the Sherpa villages, the destination of this acclimatization day. Before reaching them, however, we take a break at the Everest View Hotel (3880 meters), which we reach after a steep climb, overcoming a elevation gain of over 300 meters: a few hundred steps, a lot of effort. The view is even better than the previous one, so the effort is well rewarded, even if the tea that accompanies it is not the cheapest: after all, we are in a high-altitude hotel, not a lodge, and the service is quite different.

Meanwhile, we also witness the landing of a novice helicopter pilot from the Nepalese army; we realize the importance of the wind, which on two occasions prevents him from landing, forcing him to repeat the approach maneuver.

For every helicopter that lands, there are many others that travel up and down the valley, taking advantage of impeccable weather conditions.

We are ready to continue, so we descend towards Khumjung, where we visit the school founded by Edmund Hillary: here, Sherpa children can receive a good education, benefiting from small, well-kept classes, but also from the numerous play areas.

The village is located outside the classic trekking route and is therefore more original. We see women sewing in the small courtyards of the houses, large fenced areas used for horse grazing, and men carrying baskets filled with straw on their backs. There is also a beautiful monastery, but it is closed: we'll make do with that.

We are on a plateau above 3800 meters altitude, and this begins to be felt, but we continue our walk reaching the neighboring village of Khunde. Here we can visit, with extreme interest, the small hospital, mainly dedicated to the local population: a young and kind doctor allows us to visit it, and we notice how there is everything necessary to manage the main emergencies, including even a small maternity ward, complete with an incubator, where 30 little Sherpas are born each year. Truly a little gem.

After the hospital, we head towards the temple, located at the top of a rapid but steep ascent: here, an elderly Tibetan lady offers us a cup of tea, accompanied by slightly stale Tibetan bread, but we cannot refuse. However, we can appreciate how the lady's facial features are different from those of Sherpa women, with a finer and elongated face, testifying to a different origin.

We eat a dish of freshly cooked potatoes and onions in the village, which are truly tasty despite being cooked on the fly. At 3 o'clock, we must be in Namche, the guide informs us, because there is a chance to attend a screening of a film about Everest climbs, so we hurry down, despite our stomach's objections.

Arriving in the village, we discover that it is not some form of organized screening to welcome tourists, but a simple initiative of a bar: we make the best of a bad situation, cursing Lama for making us leave with lunch still in our stomachs.

The documentary addresses the world of Everest climbs by Sherpas, a certainly different and interesting perspective, which makes us reflect on how for them it is first and foremost a hard job, but one that allows them and their families to live better.

After dinner, we repeat the walk through the streets of Namche in search of a place to spend the evening: we find a very well-kept bar, which a discreetly tipsy guy had recommended to us with an unmistakable "very good cappuccino"! I decide to trust him, and I can confirm that the Illy sign displayed outside the establishment was not placed there by chance.

The night goes much better than the previous one: it's a sign that we're acclimatizing a bit, for now without needing to resort to the supplies of Diamox that Cipi wisely brought along.

The next morning, we are woken up by an even clearer sky than the previous one, and so, after struggling to close the bags, we set off again, facing once again the long staircase that leads out of the inhabited center.

It may seem strange, but leaving Namche feels like leaving civilization behind: partly because there was the feeling of being able to find everything we needed there, and partly because it seems that from there on, communications with home will be impossible, as we will no longer find lodges that provide WiFi. Although strange, it feels like we're losing something, a sign of how the possibility of always being connected is now part of our everyday life.

The road we take winds gently along the right side of the valley, and we are accompanied by some stray dogs along the way. We've seen many of them, and we'll continue to see them: they're beautiful, albeit dirty and poorly cared for, sleeping leaning against the walls of houses, their paws facing the road. They have short, bristly fur, elongated snouts, and you never hear them bark. They seem friendly, seeking only a simple caress.

We pass through small villages made up of a few houses, in a dense forest of rhododendrons, their sacred plant. Some of these are in bloom and give us beautiful images. Just as beautiful continues to be the panorama, with Ama Dablam on our right, gradually getting closer.

In this dense forest, the road begins to descend to the river, which we cross with yet another suspension bridge. We stop for the traditional tea at the foot of the day's climb: 600 meters of almost vertical elevation gain that will take us to Tengboche.

We climb them with difficulty, stopping every 10-15 minutes: such a climb would test us even at home, let alone at these altitudes. The ground is sandy, and a lot of dust rises. The sun warms us, and all we can do is tackle the climb in a t-shirt. Once we find our rhythm, matching each step with a deep breath and managing the breaks wisely, which become increasingly frequent, we reach the end of the climb in just over an hour. Before us, Tengboche: a temple and a few lodges. We expected more, but we see the highly praised bakery in the guides and rush there. We feel we deserve a coffee, followed by a lunch of chicken burgers: the menu is, as always, very international. We lather ourselves with cream to resist the sun and test our oxygen saturation. We are still alive

Nel frattempo entriamo in confidenza con Lama: chiacchieriamo spesso, anche facendoci raccontare cose inutili, nel suo inglese stentato e nel nostro che si adatta al suo.

A fine pranzo è doverosa la visita al tempio: è qui che gli alpinisti che scalano l’Everest praticano la puja, la tradizionale cerimonia benaugurante. Ci togliamo le scarpe per entrare e all’interno troviamo due file di sedute per parte, con le tradizionali tonache rosso-arancioni dei monaci, sulla parete di fronte a noi vediamo le statue con le diverse raffigurazioni del Buddha mentre le pareti sono decorate con la stessa minuziosità che avevamo già scoperto a Phakding. Un riverbero di colori, forse anche eccessivo.

Per quanto lontana possa essere questo credo dalle nostre convinzioni, è comunque emozionante essere in un luogo che, per tutti coloro che affrontano la scalata alla montagna più alta della terra, rappresenta un posto in cui affrontare un rituale di buon auspicio e di protezione.

Scattiamo alcune foto di gruppo al di fuori del tempio e riprendiamo il cammino verso Pangboche, affrontando subito una ripida discesa. Continuiamo poi lungo il versante sinistro della valle, sul fondo della quale il fiume scorre impetuoso e regala splendidi scorci, fino a quando non lo attraversiamo nuovamente.

Comincia ad alzarsi un vento pungente, ma con l’ultimo sforzo della giornata raggiungiamo il termine della salita, che coincide con un suggestivo passaggio attraverso una porta decorata. Speriamo a questo punto di scorgere di fronte noi il paese, ma ancora alcune centinaia di metri pianeggianti ci separano dal lodge, che raggiungiamo quindi nel primo pomeriggio.

Giusto il tempo di una partita a carte all’aperto e ci rendiamo conto che è giunto il momento di rientrare; una doccia calda, una sciacquata al lavandino posto all’esterno e siamo come nuovi.

A quel punto il vento si è placato e si è portato via le nuvole: un cielo limpido ci regala delle splendide vedute sulle cime innevate circostanti. Sono così vicine che sembra di toccarle. In breve si tingono dei colori rosati del tramonto, che le rendono ancora più suggestive, soprattutto l’Ama Dablam, la montagna solitaria, che richiede di essere immortalata.

A cena un riso con uova, pollo e verdure ci regala un’inaspettata soddisfazione e Lama ci mostra una collezione di foto da altri trekking in cui ha fatto da guida: i panorami del Mustang e della regione dell’Annapurna sono molto affascinanti e lui ne è giustamente soddisfatto.

La chicca di questo lodge resta però il bagno: la tazza del water è infatti decisamente in pendenza e, non sapendolo, la cosa ci coglie parecchio di sorpresa.

La notte è abbastanza riposante e la mattina successiva attraversiamo il centro abitato lungo la via principale: lodge e shop la fanno da padrone, contornati da muretti a secco che delimitano le varie proprietà.

La giornata è ancora splendida, anche se il freddo mattutino ci costringe a coprirci un po’ di più, con l’ottimo ausilio dei gilet in piuma SWS che ci vengono in soccorso. Lungo il cammino incontriamo parecchie persone. Come al solito incrociamo gli yak con i nostri bagagli: continuiamo a meravigliarci di come il portatore che li accompagna percorra il sentiero con delle semplici ciabatte, mentre noi trekker non possiamo fare a meno delle nostre scarpe tecniche, che a fine viaggio saranno state messe duramente alla prova.

I portatori sono veramente qualcosa di unico: trasportano due o più zaini, ancorandoli in modo misterioso con corde e fasce alla fronte, camminando chini senza quasi vedere il percorso davanti a sé, e quando si fermano per riposare fanno sempre molta attenzione a lasciare il carico senza strappi eccessivi.

Chiediamo a Lama delucidazioni sulla loro vita e ci racconta che ormai il costo della vita per i portatori lungo il trek è sempre più alto, anche perché, a differenza di un tempo, quando erano liberi di dormire nelle sale comuni dei lodge, oggi questa agevolazione non è più così frequente e sono costretti a rivolgersi a delle apposite strutture, le porter’s house, che garantiscono loro vitto e alloggio, ma dietro pagamento.

Per questo motivo sono sempre meno i portatori disponibili, soprattutto per le agenzie di trekking, che a quanto pare sono meno generose delle spedizioni d’alta quota. Ed è per questo che alle volte è necessario ricorrere agli yak, più costosi, ma sempre disponibili. O almeno questo è ciò che ci lascia intendere.

Alcuni di noi cominciano ad accusare la quota: siamo oltre i 4000 metri e anche la vegetazione attorno a noi cambia. Il paesaggio si fa più brullo, gli alberi lasciano il posto a piccoli arbusti che crescono su un terreno secco e sabbioso, in cui la traccia del sentiero si perde e si dirama nei percorsi scavati dall’acqua durante la stagione delle piogge. In questo mutato paesaggio affrontiamo per un’ora un paesaggio che sembra venire da un altro pianeta, finché ci fermiamo ad un tea shop ai piedi della salita.

È una piccola casa in pietra, che emana un acre odore di fumo, nonostante non lo vediamo uscire da alcun tipo di comignolo. Una volta bevuto il tè mi affaccio all’interno per dire a Lama che siamo pronti a ripartire e ne approfitto per dare un’occhiata: noto così le pareti completamente annerite dal fumo, come immaginavo.

Affrontiamo quindi la salita che porta a Dingboche, un breve strappo che rimane nelle gambe, ma che al termine ci regala una splendida veduta sul villaggio. Preceduto da uno stupa molto suggestivo, DIngboche occupa una larga distesa al lato del fiume. I terreni sono delimitati dai già citati muretti di pietra, senza che apparentemente ci siano sentieri a districarsi in quel dedalo di strutture geometriche sconosciute, in mezzo alle quali spuntano i tetti di lamiera colorata delle case, sulle quali è dipinto con vernice bianca il nome del lodge o dello shop. È metà mattina quando raggiungiamo il nostro lodge, che ci regala una splendida vista, da un’altra angolazione, dell’Ama Dablam. Decidiamo di prolungare un po’ lo sforzo di giornata per garantirci un migliore acclimatamento: una traccia che scorgiamo sul versante opposto ed una rapida occhiata alla mappa ci fanno mettere in cammino verso un punto panoramico ai piedi della montagna.

Fatichiamo non poco a trovare un passaggio che ci conduca al fiume, arrendendoci alla fine al fatto che sia necessario scavalcare alcuni muretti e invadere delle proprietà private. Una volta raggiunto il letto del fiume, troviamo il ponte che Lama ci aveva indicato. Definirlo traballante è fargli un complimento: è una trave di ferro con sopra delle assi di compensato spesso, sotto al quale il fiume, d’un color grigio azzurro, scorre freddo ed impetuoso. Lo attraversiamo a passo svelto e ce lo lasciamo alle spalle.

Il sentiero che avevamo visto dal lodge ha la pendenza giusta per permetterci di procedere ad un’andatura svelta, ma non troppo faticosa. Tuttavia, giunti ad una radura, si impenna. Il ritmo del passo diventa a questo punto dettato dal respiro: un passo, un respiro, profondo, rigorosamente a bocca aperta. Il battito cardiaco si adegua, viaggiando a frequenze decisamente più elevate. Le pause diventano quindi frequenti e necessarie, ed ogni volta ripartire significa andare alla ricerca del passo giusto e resistere alle richieste di aiuto che vengono dalle gambe, che chiedono più ossigeno.

Come se non bastasse, si alza un vento gelido dalla valle, che ci costringe a coprirci con piumino e berretta Svalbard Islands, che saggiamente avevamo portato con noi nello zaino.

Abbandonata l’idea di raggiungere i 5000 metri del punto panoramico, decidiamo almeno di vedere i laghi che erano indicati sulla mappa poco al di sopra del punto in cui dovremmo essere. Li raggiungiamo, ma da un punto diverso rispetto a dove credevamo di trovarci e, soprattutto, ne vediamo solamente il fondo: sono completamente prosciugati e ciò che resta sono i sassi e il terreno privo di vegetazione che costituiva il fondale.

Ben poco male: siamo proprio sotto l’Ama Dablam e ne approfittiamo per alcune foto di gruppo. Vista dal basso la montagna è straordinaria: enormi seracchi che paiono appesi per miracolo e pareti sporgenti caratterizzano questo lato della montagna, la cui ascensione avviene infatti dal più accessibile versante sud. Ci accompagnerà per tutto il viaggio, ma non ci stancheremo della sua compagnia.

Il freddo alle mani e la fame ci fanno scendere alla svelta, scaldandoci rapidamente nel raggiungere la riva del fiume, che attraversiamo sul solito traballante ponte. Da qui, facendoci strada tra muretti e campi con yak al pascolo, raggiungiamo di nuovo il lodge.

Per pranzo un hash brown, un’evoluzione morbida del rosti, ci sazia, all’interno della grande sala comune del lodge, dove, come ormai da tradizione, i tavoli e le panche ricoperte di tappeti sono collocate lungo il perimetro. Le ampie vetrate, oltre a isolare poco rispetto all’esterno, offrono una bella vista sul villaggio e su quanto si può scorgere in lontananza della valle.

C’è ancora il sole e ne approfittiamo per fare un po’ di bucato: il lavandino è naturalmente posizionato all’esterno, l’acqua è gelida e serve anche per l’igiene personale. Ci si lava i denti aprendo un rubinetto che fa uscire l’acqua da un bidone blu dove era stata precedentemente raccolta.

Lo stesso sistema viene utilizzato per la doccia (uno stanzino messo assieme con alcune lamiere): la ragazza che mi porge le chiavi, prima di darmi l’ok, controlla il livello dell’acqua nel bidone e mi dice I think is enough for you… rassicurante.

Le luci a basso consumo energetico della sala ci accompagnano verso cena, non indimenticabile, e post cena, caratterizzato da giochi di carte e dalla compagnia un numeroso gruppo russo, il cui leader monopolizza la scena del lodge, esponendo ad alta voce ciò che andranno a fare nei giorni seguenti.

Anche noi cerchiamo di capire come sfruttare al meglio i giorni a venire, alla luce di un peggioramento delle condizioni metereologiche: una coltre di nuvole ha infatti nel frattempo raggiunto la valle, impedendo ai nostri panni stesi di asciugare nel migliore dei modi.

Quando la stanchezza sopraggiunge, ci ritiriamo nelle stanze, separate dalla sala comune, dove il freddo, i materassi duri e la nuova quota raggiunta non sono dalla nostra parte nel permetterci di riposare nei migliori dei modi, con frequenti risvegli.

L’ultimo risveglio arriva quando ormai è mattino e mi fa scoprire che, a dispetto di quanto temessimo la sera prima, il cielo è limpido e non c’è nulla che ci possa di impedire la nostra escursione di acclimatamento al Chukhung Ri, 5550 metri: il dislivello di oltre mille metri mi lascia dubbioso, ma ci mettiamo comunque in cammino, con zaini decisamente più leggeri.

Nonostante il sole risplenda alto nel cielo, cominciamo a sentire un freddo mattutino decisamente più pungente; partiamo quindi un po’ più coperti e abbandoniamo in fretta il villaggio, inoltrandoci in un paesaggio simile a quello brullo del giorno precedente, salendo lungo la riva destra del fiume.

Lungo il camino incontriamo una ragazza australiana che, nonostante il passo diverso, attacca ben presto bottone. L’avevamo già notata nei giorni precedenti, vogliosa di condividere la sua esperienza con altri, essendo in viaggio da sola: il suo cammino è ambizioso, volendo percorrere il giro dei 3 passi, che si snoda anche nelle vallate laterali a quella che noi percorriamo verso il campo base. La nostra guida la mette in guardia sul fatto che i passi siano pieni di neve e che serva l’attrezzatura necessaria, ma la ragazza sembra abbastanza noncurante del pericolo e soprattutto noi non siamo in grado di capire se sia invece Lama ad essere troppo titubante.

Al di là delle differenze di vedute, una delle cose più belle di questo trekking è proprio il fatto di incrociare più volte i passi con quelli di altre persone, con le quali nasce spontaneo uno scambio di saluti e sorrisi, dettati dalla condivisione della stessa esperienza.

Lungo il cammino ci fermiamo nei pressi di una stele commemorativa per Kukuczka e altri due alpinisti, morti sulla parete sud del Lhotse, che si scorge al di là del monumento funebre. Sul versante opposto della vallata si vede invece la regione dell’Amphu Lapcha, con ghiacciai pensili che sembrano essere scolpiti con la sinuosità di un tendaggio, che miracolosamente rimane sospeso per chilometri.

Dopo circa un’ora e mezza arriviamo a Chukhung, dove ci fermiamo in un lodge molto ben curato per dissetarci con un tè. Qui Cipi, che già aveva accusato un po’ di malessere lungo la salita, ci abbandona per tornare al lodge, dove un po’ di riposo gli farà sicuramente bene.

Noi decidiamo di continuare verso il Chukhung Ri, ma fin dalle prime rampe sappiamo che abbandoneremo ben presto la salita: è ripida e dura e raggiungere la vetta richiede uno sforzo prolungato, dato che il dislivello da affrontare è di circa 800 metri.

Fede è il primo ad abbandonare, mentre Arri, Lama ed io arriviamo fino ad un punto panoramico che ci permette di avere una vista incredibile: dall’Ama Dablam, passando per Amphu Lapcha, Island Peak e Makalu in lontananza, per arrivare a Lhotse e Nuptse. E tra queste cime altre decine di vette innevate che svettano a partire da distese di ghiacciai, nevai e morene. Meraviglioso.

Potremmo essere soddisfatti così, ma un piccolo promontorio attrae la nostra attenzione: Lama ci lascia fare quest’inutile sforzo da soli, ma una volta in cima la vista spazia ancora di più e, soprattutto, siamo per la prima volta sopra quota 5000, come la mappa confermerà poi.

Ci godiamo l’obiettivo raggiunto scattando alcune foto mentre un vento freddo ci sferza il viso. In lontananza vediamo alcune persone procedere a ritmo molto lento lungo il ripido sentiero che conduce al Chukhung Ri: di comune accordo decidiamo che la nostra fatica termina qui e iniziamo la discesa, che ci divertiamo ad affrontare di corsa. Torniamo quindi a Chukhung e, da qui, di buon passo fino a Dingboche, dove finalmente ci rifocilliamo adeguatamente.

Non abbiamo raggiunto la nostra meta, ma siamo comunque soddisfatti sia per il panorama di cui abbiamo goduto, sia per lo sforzo fatto, che speriamo ci torni utile per migliorare ancor di più l’acclimatamento.

Il pomeriggio trascorre tra lettura, sguardi alle fotografie scattate fin qui e partite a carte, che continuano nel post cena; la vita nel lodge è accesa da una folta compagnia inglese che, con qualche birra in corpo, aumenta i decibel della serata.

Il meteo conferma il peggioramento in arrivo e quindi decidiamo di abbandonare l’escursione prevista per l’indomani verso il campo base dell’Island Peak, e di dirigerci invece verso Dougla, così da avvicinarci al campo base ed eventualmente accorciare le tappe da percorrere sotto la neve o, peggio, la pioggia.

Alle 9 ognuno si è già ritirato nelle proprie stanze e solo io sono rimasto al caldo della stufa della sala comune; capisco che è giunta anche per me l’ora di andare a dormire, non prima però di essermi goduto un po’ di cielo stellato, che il freddo non eccessivo mi consente di rimanere ad ammirare.

Il mattino seguente prepariamo nuovamente i bagagli e ci muoviamo. Una ripida salita, sotto un cielo nuvoloso e freddo, mette alla prova la nostra digestione. Ben presto siamo però in cammino su un altopiano, la cui lieve pendenza rende meno difficile la nostra marcia.

Arriviamo presto a Dougla, punto di sosta lungo il sentiero con un paio di lodge e poco altro, più che un vero e proprio villaggio. Lasciamo i bagagli e, visto il tempo clemente, alleggeriamo gli zaini per dirigerci verso Dzongla, allungando così la nostra camminata odierna.

Prima di rimetterci in cammino fa anche capolino un timido sole, che rimane in vista giusto il tempo di permetterci di farci iniziare ad assaporare le nuove cime attorno a noi.

La strada per Dzongla è un continuo salire in costa alla montagna con alcuni saliscendi gratuiti che ci fanno ripensare, come già in precedenza, a quanto siano belle i sentieri tracciati dagli alpini sulle nostre montagne, e ci fanno maledire tutto quest’inutile dislivello.

Si aprono comunque attorno a noi dei panorami su cime come il Lobuche Est e quel che resta di alcuni ghiacciai, che non hanno saputo nemmeno loro resistere al duro avanzare del cambiamento climatico.

Il cielo si va via via rannuvolando, salvo concederci qualche sprazzo di sole solo al nostro arrivo, che ci permette di vedere in lontananza dove il sentiero si inerpica per il passo Cho La, 5400 metri, uno dei 3 passi che costituiscono l’omonimo giro. La nostra deviazione ci ha infatti portato fuori dalle rotte dell’EBC e questo lo si percepisce in un modo difficile da spiegare se non con le facce più avventuriere di coloro che siedono ai tavoli del lodge, come quelle di una giovane coppia francese con cui facciamo due chiacchiere, e che erano lì arrivati proprio dal Cho La, per lo stupore di Lama. Decidiamo di pranzare qui con patatine e uova fritte, mentre un giapponese ordina dei noodles che risucchia con inaudita rumorosità: dapprima ne sorridiamo tra noi, ma al suo perseverare vengo preso dal più classico degli attacchi di risata compulsiva che mi costringe a gettarmi di corsa fuori dal lodge per non continuare a ridergli in faccia.

Nel frattempo si è unito al nostro tavolo un bel cagnolino che ci aveva seguito come un fedele cane di famiglia sin da Dougla. Si appisola proprio sotto le mie gambe, ma quando è ora di tornare non ci seguirà.

Il tempo di digerire, in parte, il pranzo, impresa non delle più semplici dato il grado di unto delle paratine, e ci rimettiamo in marcia anche perché le previsioni e il cielo promettevano un peggioramento pomeridiano.

Dopo pochi minuti comincia infatti a scendere un nevischio dapprima lieve, ma che poi si fa più bagnato ed intenso. Aumentiamo perciò l’andatura, nonostante una scorciatoia in salita, e in men che non si dica siamo nuovamente al lodge di Dougla, non troppo bagnati ma decisamente infreddoliti.

L’interno del lodge, che non ha soluzione di continuità con l’esterno, è decisamente freddo, ma per fortuna, mentre noi beviamo l’ennesimo tè, le proprietarie accendono la stufa posta al centro della stanza, alimentata con sterco di yak essiccato. Ci vorranno ore perché il calore si diffonda, anche se le sedie poste attorno alla stufa rimangono il posto più gettonato e offrono l’occasione per qualche chiacchiera.

Conosciamo così una coppia australiano/sudafricana e rivediamo una coppia mamma e figlia della compagnia russa, che avevano evidentemente abbandonato per motivi che non conosciamo. Insomma, a 4600 metri, mentre fuori ha smesso di nevicare, in un lodge che solitamente è più di passaggio che di sosta, riscopriamo il piacere del calore di una stufa e di quello umano che attorno ad essa si catalizza. La cena poi si fa apprezzare per la sua bontà nella semplicità.

Andiamo così nelle stanze, gelide, pronti ad affrontare una delle ultime notti a quote alte, convinti di poterci riposare. Non sarà proprio così, visto che all’1:32 mi trovavo a scrivere questo mio personale resoconto, ascoltando la pioggia che per alcuni istanti ticchetta sul tetto mentre poco più lontano si sentono risuonare le campane degli yak.

Il sonno non arriva e quindi alle 5 esco con le prime luci del mattino e scopro che una coltre di 5 cm di neve si è posata e continua a scendere.

Una ricca colazione ci dà la forza di affrontare la ripida salita che in poco meno di un’ora ci porta a quota 4800, al passo che conduce a Lobuche, dove è situato un memoriale in memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di scalare l’Everest o su queste ed altre montagne. Inizia a nevicare più forte e c’è nebbia perciò rimandiamo al ritorno un momento da dedicare in questo posto, e ci incamminiamo rapidamente verso Lobuche.

Con un leggero falsopiano, la raggiungiamo più rapidamente del previsto e ci troviamo di fronte a quello che, in questa distesa di neve, ci appare come un avamposto verso territori selvaggi. Beviamo un tè, che si prolunga più del solito, pur di rimanere al riparo dalla neve che si è fatta più intensa, ma verso le 11 decidiamo di incamminarci verso la Piramide EvK2CNR, un centro di ricerca italiano, nei pressi del quale i nostri connazionali hanno costruito un rifugio, oggi gestito da nepalesi, che viene sempre decantato per i servizi che offre, soprattutto se confrontati con quelli dei lodge di Lobuche. In circa 20 minuti lo raggiungiamo e la piramide ricoperta di pannelli solari si erge immediatamente alla nostra vista.

Entriamo e immediamente decidiamo di provare degli spaghetti: qualcosa di italiano sarà rimasto. È la carbonara più strana che abbia mangiato, ma tutto sommato è più che buona!

Una volta digerito e messo in carica ogni oggetto possibile, decidiamo di concederci una doccia calda, vero must del posto, ma purtroppo i due giorni di maltempo hanno privato il lodge della possibilità di avere acqua calda e così dobbiamo rimediare sulle sempre più utili salviettine.

Puliti e profumati per quanto possibile, andiamo alla scoperta della piramide: nonostante un avviso impedisca di entrarci se non accompagnati, ci addentriamo sentendoci un po’ autorizzati dal fatto di essere italiani.

All’interno rimaniamo stupiti della ricchezza di materiale che troviamo, sia in termini di ciò che è necessario per far funzionare una struttura del genere (con tutti i pannelli solari a garantire energia), sia per quanto riguarda gli esperimenti, che spaziano da esperimenti fisiologici, come un treadmill e una cyclette ci dimostrano, ad altri chimici o geologici, di cui ritroviamo alcuni dati risalenti al 2016.

Ci intristisce vedere però come tutto sia rimasto abbandonato come se d’un tratto non ci fosse più stata la volontà o la possibilità di continuare: è come se qualcosa fosse rimasto in sospeso.

Riflettiamo anche sulla forza di volontà dei ricercatori che qua hanno lavorato, in quanto si tratta di un posto davvero isolato, seppur collocato in una posizione strategica, la cui vista non possiamo apprezzare per via del cielo che rimane coperto, sebbene abbia smesso di nevicare.

Il posto è davvero affollato, non solo di coloro che si fermano qui per la notte, e che pertanto riempiono la sala, ma anche di semplici visitatori che vengono dalla vicina Lobuche.

La cena è calda e buona, così come calde e comode sono anche le stanze dove la notte scorre meglio delle precedenti, se si eccettua una compagna di stanza un po’ rumorosa.

Al mattino seguente ci svegliamo comunque riposati, ad attenderci c’è un cielo azzurro che ci permette di immortalare la piramide con alle spalle la vetta del Pumori, altra vetta di oltre settemila metri che avevamo solo intravisto finora. È la vista decisamente più scenografica della piramide, che non possiamo non immortalare.

Ci inerpichiamo subito per un sentito ripido e immacolato, visto che le uniche tracce che vediamo sulla neve sono quelle di animali. Malediciamo un po’ la guida, ritenendo che tornare da dove eravamo venuti e ricongiungerci al sentiero che viene da Lobuche fosse un’idea migliore.

Veniamo smentiti immediatamente quando dopo una curva il sentiero spiana e ci permette di avere già una splendida vista sul ghiacciaio del Khumbu e sulle vette del Nuptse, del Pumori e di cime satelliti, ma anche di guardarci alle spalle e scoprire la valle da cui proveniamo ricoperta di nuvole da cui spuntano solo le cime innevate. Il panorama che questo sentiero ci riserva è dunque splendido, soprattutto se lo confrontiamo con quello di cui possono godere coloro che vengono dal sentiero di Lobuche, che scorgiamo 150 metri più in basso, decisamente più frequentato.

Dopo un po’ i due sentieri si uniscono e ci rendiamo conto della quantità di gente che è diretta nella nostra stessa direzione, spesso con passo più lento, che ci costringe a superarli saltellando tra le rocce al di fuori del sentiero battuto. Addirittura una signora si fa portare a cavallo: decisamente fuori luogo. Anche perché il cavallo come noi, penso soffra l’assenza di ossigeno.

Stiamo camminando con qualche saliscendi ma prevalentemente in salita ampiamente sopra i 5000 metri, ovvero camminiamo sospesi sopra l’Europa. Questo aspetto non passa inosservato: tutti noi infatti fatichiamo ad avanzare, non solo in salita, ma persino nei tratti pianeggianti.

In lontananza si comincia a vedere la lingua del ghiacciaio vicino alla quale è situato il campo base: si intravede anche qualche tenda, lasciando un discreto spazio all’immaginazione che trasforma dei punti arancioni in tende evidenti.

Questo ci da però lo spirito giusto per non ridurre l’andatura ed in circa 2 ore raggiungiamo Gorak Shep, dove possiamo goderci un tè caldo nel lodge che ci ospiterà per la notte. Sgranocchiamo anche qualcosa, consapevoli che lo sforzo sarà ancora lungo, e anche Arri, nonostante stia camminando con la febbra, si convince di provare a raggiungere quella che a tutti gli effetti è la vera metà del trekking. Dopo circa una mezz’ora trascorsa in questo lodge spartano, ci rimettiamo in cammino. Superiamo un iniziale tratto pianeggiante, dove la neve caduta si è sciolta ed è diventata fango, per poi risalire sulla morena glaciale ed avanzare lungo il sentiero che si snoda tra e sopra grossi massi.

Talvolta, dal lato opposto della valle, si sente il rumore di materiale che cade, a ricordarci che siamo in una zona in cui tutto è in movimento, persino quell’ammasso enorme di roccia che è l’Everest stesso.

Davanti a noi il panorama si fa sempre più meraviglioso: la conca del campo base (di cui adesso si riconoscono distintamente le tende) è circondata da vette altissime, che si fanno via via più vicine, e soprattutto da ammassi enormi di ghiaccio.

Dopo essercelo immaginati nel posto sbagliato, identifichiamo l’Icefall in modo inconfondibile: è la parte di ghiacciaio evidentemente più instabile che gli sherpa d’alta quota e gli alpinisti devono attraversare più e più volte nel corso di una scalata all’Everest,

È posta tra il campo base e campo uno e quindi è necessario passarci attraverso ogni volta che si va ai campi superiori per i vari periodi di acclimatamento: proprio per questo, all’inizio della stagione alpinistica alcuni sherpa altamente specializzati, che prendono il nome di Icefall doctors, la mettono in sicurezza con corde e scale, cercando di posizionarle nei punti in cui il ghiacciaio si muove di meno.

Noi non dobbiamo nemmeno avvicinarsi e ci limitiamo ad osservarlo da lontano e ad ammirare come la natura in movimento regali sculture di ghiaccio così grandiose.

Tutto questo panorama ci fa sostare più di quanto il nostro corpo ce lo chieda, ma non ci lamentiamo di qualche istante di riposo in più.

Dopo una breve discesa siamo finalmente al famigerato campo base, che non ha confini definiti se non la presenza di tende sparse e di scritte sulle rocce e bandierine stese ovunque.

Dopo pochi passi troviamo sulla sinistra una roccia, dalla quale partono centinaia di bandierine e recante la scritta : Everest Base Camp 5364 m. Ci mettiamo quindi in coda per le foto di rito ed aspettiamo che tutti arrivino, mentre ci guardiamo attorno attoniti.

Il campo si estende per centinaia di metri alla nostra vista, costeggiando, come era descritto ,la lingua del ghiacciaio che scende direttamente dall’Everest.

Dopo un po’ decidiamo di addentrarci, camminando sul sentiero di ghiaia al di sotto della quale è possibile intravedere la presenza del ghiaccio: siamo a tutti gli effetti sul ghiacciaio.

Ai lati del sentiero si alternano tende grandi, adibite a cucina o sala comune, e tende piccole, adibite a dormitorio, delle varie spedizioni commerciali. Dopo aver notato che il movimento nel campo è decisamente inferiore a quello che immaginavamo, complice forse anche l’orario del pranzo, decidiamo di incamminarci sulla via del ritorno, stanchi ed affamati.

In meno di un’ora siamo di nuovo a Gorak Shep, dove ci godiamo un pasto abbondante, mentre fuori ancora decine di persone si dirigono verso il campo, nonostante le temperature si stiano abbassando e il cielo si stia rannuvolando. A Gorak Shep scende persino qualche fiocco di neve dalla forma molto ben definita, nulla di preoccupante per chi cammina, ma qualcosa che ci conferma come sia buona cosa essere nei lodge nelle prime ore del pomeriggio, per non incorrere nel peggioramento del tempo.

Il lodge è freddo e solo verso le 4 i proprietari del lodge si decidono ad accendere la stufa, che da lì a poco comincia a regalarci un po’ di calore. La cena, a base di carne finalmente, seppur con una dose eccessiva di aglio, viene servita alle 6:30. Abbiamo così il tempo, con lo stomaco già pieno, di uscire a guardare le ultime luci del giorno illuminare le vette delle cime, ormai molto vicine, di un colore rosato che rapidamente viene sostituito dalle tonalità fredde che conducono alla notte.

Siamo a 5180 metri, la notte più alta del trekking, e possiamo ancora goder di un tale spettacolo. Un briciolo di emozione ci pervade, anche alla luce della giornata appena trascorsa.

Trascorriamo la serata leggendo nella sala comune del lodge, raccogliendo l’ultimo calore della stufa prima di ritirarci nelle stanze gelide. Un breve riposo ci aspetta, in quanto il giorno dopo partiremo alle 4:30 per la salita verso il Kala Pathar, una piccola montagna vicina, da cui si gode di una splendida vista sull’Everest (o almeno così speriamo). Oltre che breve, il riposo é anche travagliato: sarà il freddo, sarà l’alta quota, ma anche qui dopo un paio d’ore iniziali di sonno, non riesco più a chiudere occhio.

Verso le quattro, dopo una visita infruttuosa nella sala comune, riesco a prendere finalmente sonno ma dopo poco la sveglia suona. Si parte per il Kala Pathar.

Dopo un the caldo, siamo già in cammino. Fuori è buio e i nostri passi sono illuminati solo dalla lampade frontali, mentre il sentiero si fa subito ripido. Comincio sin da subito a soffrire il freddo alle mani e ai piedi, oltre che l’enorme fatica per la salita. Sono più d’uno i punti in cui penso di fermarmi, ma la vista dei miei compagni di salita qualche metro avanti a me, mi stimola a proseguire e ne vale la pena.

All’alba siamo qualche metro sotto la cima e di fronte a noi si erge l’imponente cima dell’Everest, a sinistra della quale vediamo spuntare in fretta il sole, per un’alba emozionante e indimenticabile.

Dopo alcune foto di rito in controluce, scaliamo gli ultimi metri che ci separano dalla cima del Kala Patthar, per poter dire di averla ufficialmente conquistata.

Anche qui ci concediamo il tempo di qualche foto e di uno sguardo verso l’Everest, ormai difficile da sostenere a causa del sole che ci illumina proprio da quella parte.

I piedi intanto non si sono ancora riscaldati perciò decidiamo di scendere prontamente ed è solo durante la discesa che un po’ di calore comincia a rifluire anche nelle estremità.

Arriviamo nel lodge discretamente distrutti, tant’è che il mio programma di cambiare abbigliamento per affrontare la discesa si perde nel nulla, tanto poche sono le energie rimaste.

La tanto agognata colazione mi restituisce un po’ di forze sotto forma di miele, marmellata e burro d’arachidi, e siamo pronti ad affrontare la discesa.

Si parla di discesa ma la realtà è che il primo tratto che parte da Gorak Shep è un continuo saliscendi in cui le gambe, già provate dalla salita mattutina, faticano non poco. Incontriamo davvero tanta gente è in alcuni punti si crea parecchio traffico, che poco si abbina a quei posti. Tuttavia la particolarità è che solo nell’ultimo tratto del trekking abbiamo notato questo affollamento, che nelle restanti tappe non si percepisce molto.

Percorriamo quindi a ritroso il tratto del giorno prima, sino al punto in cui il sentiero si divide in quello che va verso la piramide e quello che scende verso Lobuche. Prendiamo stavolta questa direzione, andando incontro a un sentiero sconosciuto, che si snoda lungo la valle, a fianco degli ammassi detritici morenici. La giornata splendida ci permette di godere nuovamente di altri magnifici paesaggi montani, oltre a scene di quotidianità con yak liberi al pascolo che si avvicinano a noi senza timore. Il passo è svelto, un po’ perché il sentiero e bello ed in leggera discesa, un po’ perché in noi comincia a crescere la voglia di scendere. Ci fermiamo giusto a Lobuche per un tè, per poi riprendere a camminare.

Anche Lama è di buon umore, contento della buona riuscita del trek e del raggiungimento degli obiettivi fissati.

Da Lobuche in poi percorriamo lo stesso sentiero che due giorni prima avevamo percorso sotto la neve, e il cambiamento è radicale. Anche in questo tratto i panorami sono mozzafiato attorno a noi e, seppur senza rallentare il passo, ci concediamo qualche foto. Dopo un’oretta arriviamo al memoriale per le vittime dell’Everest. Ci fermiamo, leggendo i nomi incisi su quei monumenti funebri, ma soprattutto assaporando l’atmosfera sacra che in quel punto, un balcone su decine di bellissime cime, si presta assolutamente ad essere il posto in cui il ricordo di coloro che sono morti in montagna possa rimanere. Nonostante molte persone si fermino in questo punto, le voci si perdono nel vento ed il silenzio è interrotto solo dallo svolazzare delle bandierine nepalesi appese ovunque, che ci regalano l’impressione della caducità della vita, ma anche della leggerezza con cui si possa affrontarla.

Trascorso qualche momento di bella e profonda riflessione, ci rimettiamo in cammino: la discesa verso Dougla è rapida e divertente, a patto di far attenzione a non farsi trarre in inganno dai sassi ricoperti di sabbia. In un attimo siamo al lodge dove avevamo dormito solo tre giorni prima e, dopo un attimo di sosta, ci incamminiamo verso Periche.

Per farlo si scende a lato del letto del fiume, non particolarmente florido nonostante la stagione. Gli argini del fiume sono friabili e infatti qualche anno prima una grossa alluvione aveva spazzato via i piccoli lodge di Dougla, costruiti probabilmente troppo vicini al fiume. Non che quelli ricostruiti siano lontanissimi, ma perlomeno qualche metro più in alto. La valle è sferzata da un vento freddo che ci sbatte in faccia e ci costringe a coprirci nonostante il sole caldo. Dopo un’iniziale discesa, una lunga piana si apre dinnanzi a noi e ci fa sembrare Periche un miraggio che però dopo un po’ si materializza, con abitazioni, muretti a secco, lodge curati e shop: in questa semplicità ci sembra di essere tornati alla civiltà.

Mangiamo un buon pranzo, che tuttavia non riesce a saziarci vista la nostra fame.

Ciononostante abbiamo recuperato le energie per terminare il lungo tragitto odierno, che ci conduce fino a Pangboche. Stavolta però dormiamo nella parte alta del villaggio, che si presenta con delle case che si sviluppano in verticale all’interno di un piccolo avvallamento della montagna. Al centro delle case spicca il rosso del monastero, uno dei più antichi, sopravvissuti al tempo, che visiteremo l’indomani.

La nostra priorità è senza dubbio una doccia calda e per fortuna veniamo soddisfatti: mai una doccia aveva rappresentato un piacere così grande.

Dopo un piatto di chowmeini, una forma loro di spaghetti (ottimi), e un paio di partite a scacchi, crolliamo a letto sfiniti.

In un attimo si fa mattina: non dormivo così bene da giorni. Che bellezza.

Al mattino, dopo una colazione con vista mozzafiato in cui il monastero poco dinnanzi a noi si staglia sulla montagna innevata retrostante, andiamo proprio a far visita al monastero, dove sono conservati anche i resti (la testa e una mano) di uno yeti. Come negli altri monasteri, vediamo le scritture e gli abiti dei monaci, che anche in questo caso non sono presenti. La visita è tuttavia molto piacevole.

Ci dirigiamo quindi verso Phortse, seguendo un sentiero che, quando lo vedevamo dall’altra parte della valle, ci era parso snodarsi pianeggiante lungo il versante della montagna: non è così. Ancora una volta è un continuo saliscendi, con una sola costante: la vista di Tengboche e del suo monastero che si stagliano di là dalla valle e ci accompagnano fin quando alla nostra destra si apre una discesa al fondo della quale vediamo Phortse, tipico villaggio sherpa con i terreni ben delimitati che si snodano lungo il versante in discesa della montagna e sono intervallati da edifici bassi, alcuni adibiti a lodge, ma per lo più abitazioni. Scendiamo a corse e in un attimo siamo nel villaggio, pronti a dissetarci con un tè.

Quello che definiamo lodge sembra in realtà il cortile di una casa privata e l’atteggiamento della padrona di casa è proprio quello. Non si cura particolarmente di noi, se non il minimo indispensabile. Approfittando della nostra stanchezza, Lama si prende gioco di me: quando gli chiedo il bagno mi indica una struttura piccola poco distante dalla casa. Apro la porta e trovo un pavimento in legno con un buco al centro e foglie secche ai lati: non gliela do vinta e faccio finta di niente. È un’esperienza anche questa: Nepali toilette, mi dirà poi lui sorridente quando gli farò notare che mi aveva leggermente preso in giro.

Ci aspettano ancora diverse fatiche, perciò ci incamminiamo e, dopo aver visto in lontananza la vetta del Cho Oyu, scendiamo fino al fiume lungo una ripida discesa, alla quale fa naturalmente seguito un altrettanto ripida salita.

Le gambe sono appesantite dai giorni di cammino e soprattutto dallo sforzo del giorno precedente, e ogni passo è un’immensa fatica, soprattutto perché la verticalità della salita è tale da richiedere uno sforzo muscolare e non solo di resistenza. A pochi passi per volta, alternati a numerose e frequenti pause, maledicendo la scelta di fare questa deviazione, arriviamo in cima a Mong La, nuovamente a quasi 4000 metri. Lo sguardo si volge verso il panorama circostante, ma è l’appetito ad avere la meglio. Pranziamo al sole, che ci scalda e rischia di abbrustolirci, ma era necessario per affrontare la parte rimanente del viaggio. Finalmente infatti, dopo pranzo, inizia una lunga discesa, che in breve ci ricongiunge con la strada che giorni prima avevamo percorso lasciando Namche Bazar. La meta odierna si avvicina e il percorso diventa più malleabile: di buon passo, chiacchierando finalmente senza dover riprendere fiato ad ogni parola, arriviamo a metà pomeriggio a Namche Bazar.

All’imbocco delle scale che avevamo fatto per lasciarla ci pare di essere tornati in città, nonostante si tratti di un villaggio a 3440 metri. E sembra che sia passata un’eternità dal giorno in cui l’abbiamo lasciata.

Arrivati al lodge nemmeno il tempo di sederci e decidiamo di brindare con un paio di meritate birre, ponendo fine all’astinenza da alta quota.

Dopo esserci nuovamente lavati e rimpinzati, la sera replichiamo il brindisi con una Guinness all’Irish Pub: ecco perché pensare di essere tornati in città non era poi un pensiero così assurdo. Namche, nel suo essere piccola, ti offre persino la possibilità di entrare in un pub addobbato da magliette e bandiere, con calcetto e biliardo, con dell’ottima birra e lo sport in tempo reale, roba che nemmeno da noi...

Lasciamo le nostre firme sul muro del locale (non si tratta di vandalismo, ma notiamo che molti prima di noi lo hanno fatto) e ce ne andiamo verso le 10, assonnati, lasciando il pub con alcuni avventori decisamente su di giri.

Siamo molto più rilassati, perché è qui che formalmente possiamo ritenere chiuso il trek: sebbene manchi ancora ufficialmente una tappa, è qui che realizziamo di avercela fatta ed è qui che finalmente comunichiamo a casa che stiamo ancora tutti bene, benedetto WiFi.

Il mattino seguente, ancor più riposati, ci incamminiamo verso Lukla: abbiamo ora più tempo di goderci anche gli sguardi e gli atteggiamenti delle persone che vivono nei villaggi che incontriamo lungo la strada.

Possiamo tornare a vestirci leggeri e a proteggerci abbondantemente contro il sole, mentre rapidamente ridiscendiamo da Namche fino al fatidico ponte sospeso, che stavolta attraversiamo prestandogli molta meno attenzione.

Il percorso è infatti identico a quello dell’andata e quindi non desta più di tanto la nostra attenzione ed anche le salite che affrontiamo sono tranquille: l’unica pausa forzata è dovuta al controllo dei pass che viene effettuato anche all’uscita a Monjo. Lasciamo quindi che sia Lama a districarsi tra la burocrazia nepalese e quindi continuiamo la marcia, sostando solo per un tè. Questo tratto di strada è un continuo su e giù e, complici le energie ormai al lumicino, il passo non è dei più sostenuti. Arrivati a Phakding decidiamo quindi di riposarci, approfittando della pausa pranzo, ma anche così le cose non migliorano.

Nonostante la presenza di ossigeno in quantità quasi inusuali dopo i giorni di alta quota, siamo costretti ad un ulteriore pit stop dove, a suon di bibite gasate, ci rifocilliamo pronti per affrontare gli ultimi 200 metri di dislivello che ci portano a Lukla.

Quando ci arriviamo, siamo così cotti che non pensiamo nemmeno a festeggiare, ma dentro di noi sale la soddisfazione per avercela fatta.

Il lodge è oltre l’aeroporto, perciò, dopo aver percorso tutta la strada che attraversa il villaggio, ammiriamo nuovamente, un po’ spaventati, la pista ormai per noi di decollo, la cui discesa termina solo al fin della montagna: o decolli o decolli. Una fantomatica torre di controllo e il via vai di elicotteri non ci rassicurano, ma un paio di birre e una cena nel lodge ci fanno dimenticare tutto.

A questo si aggiunge la stanchezza, che mi fa addormentare poco dopo aver finito la cena direttamente sui morbidi tessuti che rivestono le panche della sala da pranzo. Per fortuna vengo aspettato e passo la notte nel letto, altrimenti il freddo si sarebbe fatto sentire.

Il mattino seguente alle 530 siamo già in aeroporto, pronti per il rientro dalle montagne: avere il volo presto è sempre un vantaggio, perché al mattino il tempo è decisamente migliore e c’è meno rischio di cancellazione voli.

Infatti il nostro volo è puntale e stavolta, senza le nuvole dell’andata, ci rendiamo conto di quanto voli basso: le cime delle montagne sottostanti sembrano davvero essere a portata di mano quando le sorvoliamo, verdi e rigogliose.

Il tempo di ammirare tutto questo dura soltanto pochi minuti, infatti come all’andata in 20 minuti siamo nuovamente a terra, nel caldo dell’aeroporto di Ramechap.

Qui possiamo finalmente spogliarci degli abiti pesanti della montagna e vestirci corti, in attesa del passaggio per Kathmandu, convinti che Lama sia andato alla ricerca del nostro pulmino.

Dopo alcuni minuti di attesa lo vediamo arrivare, ma anziché un pulmino ci indica una jeep: si è a quanto pare dovuto arrangiare nella ricerca di un passaggio e questo è il meglio che ha trovato.

Il meglio tradotto vuol dire bagagli caricati sul tetto e io e Cipi cacciati nel baule seduti su due sedili che si guardano, a giocare a tetris per incastrare gambe e zaini. Il tutto nel caldo che si fa più pesante sin da subito.

Siamo comunque piuttosto assonnati e quindi riusciamo a chiudere occhio anche in posizioni improbabili, perlomeno fin quando le buche delle strade non ci risvegliano.

Una pausa a metà viaggio ci dà l’occasione per una colazione: qui il dolce è un miraggio e quindi vada per un sandwich al pollo, la cui quantità di cipolle risveglierebbe chiunque.

Non noi a quanto pare, che nel viaggio successivo continuiamo come prima a prender sonno con la testa ciondolante, fino alle porte di Kathmandu. Qui il caldo, misto al traffico fuori controllo e alla curiosità di veder districare l’autista al suo interno ci tengono svegli.

Dal vetro posteriopre della jeep il nostro sguardo si perde nella direzione da cui siamo venuti: lo smog e la polvere creano una coltre che non rende possibile osservare in lontananza.

Possiamo quindi solo immaginare le montagne che abbiamo lasciato ormai alle nostre spalle e già ci assale un po’ di nostalgia, consapevoli di aver vissuto un’esperienza davvero straordinaria e, forse, irripetibile.

Back to blog

Leave a comment

Please note, comments need to be approved before they are published.